Sabato, 26 Marzo 2011 00:00

Diritto all'oblio: Odg su sentenza giudice di Ortona contro Primadanoi.it

La sentenza del giudice di Ortona , che condanna il giornale on line Primadanoi.it per violazione della privacy, solo perché è stato conservato nell'archivio elettronico del sito una notizia riguardante la vicenda penale di due coniugi, pone seri problemi ai giornalisti nell'esercizio del diritto di cronaca . L'articolo in questione, peraltro, secondo anche il parere del Garante per il trattamento dei dati personali, era stato redatto rispettando i criteri fondamentali del codice deontologico dei giornalisti ( verità sostanziale dei fatti, interesse pubblico e continenza nel linguaggio). Se i giornali cartacei possono conservare nei loro archivi copie dei giornali pubblicati non si capisce perché i giornali on line non debbano avere la stessa possibilità. Del resto, anche volendo cancellare i dati digitali di una notizia essa rimane indelebilmente presente nelle memorie cache dei motori di ricerca ( feed Rss). Il problema, allora, non è di semplice risoluzione giudiziaria ma occorrerebbe, invece, per il reale esercizio del diritto all'oblio, che il legislatore stabilisca criteri certi e condivisi e non solo a livello nazionale data la complessità della materia e la sua natura globale.

Ultima modifica il Sabato, 14 Novembre 2015 13:40