Sabato, 05 Aprile 2008 00:00

Asl di Pescara, l'Azienda chiarisca il futuro dell'Ufficio stampa

«Se fosse confermato quanto affermato stamattina sulla cronaca di Pescara del quotidiano "Il Messaggero" sulla sparizione dal nuovo atto aziendale dell'Asl di Pescara dell'Ufficio stampa, ci troveremmo di fronte a una decisione grave e ingiustificata. La legge che disciplina la comunicazione pubblica, la 150 del 2000, prevede infatti che le pubbliche amministrazioni abbiano un ufficio stampa. E la stessa legge prevede che al loro interno a svolgere questa delicata funzione siano chiamati giornalisti iscritti all'Albo, siano essi professionisti o pubblicisti. Cosa diversa sono gli uffici per le relazioni con il pubblico, gli Urp, cui è assegnata una funzione differente, ovvero il rapporto diretto con i cittadini. La legge, insomma, chiarisce in modo inequivocabile l'autonomia delle due strutture. Sulla base di queste premesse, Ordine dei giornalisti d'Abruzzo e Assostampa chiedono al direttore generale dell'Asl di Pescara di chiarire quali siano le intenzioni dell'azienda sanitaria in ordine al futuro dell'Ufficio stampa. Gli organismi dei giornalisti abruzzesi, è evidente, vigileranno affinché autonomia e professionalità dei colleghi siano tutelate in tutte le sedi». E' quanto affermato in una nota congiunta del segretario dell'Ordine dei giornalisti d'Abruzzo, Sergio D'Agostino, e dell'Assostampa abruzzese, Lodovico Petrarca.

Ultima modifica il Venerdì, 13 Novembre 2015 18:50