Venerdì, 20 Novembre 2015 20:08

Odg: nomine Corecom, problema di (in)opportunità politica

Il Consiglio dellOrdine dei giornalisti d'Abruzzo, riunitosi oggi a Pescara, condivide l'articolo de Il Centro, in merito alle recenti nomine del Co.re.com.

Come può un ex proprietario di una rete televisiva privata diventare consigliere del Corecom – organo funzionale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) e di consulenza della giunta e del consiglio regionale – che, tra le altre cose, controlla e svolge l’istruttoria necessaria a formulare la graduatoria per l’erogazione dei contributi statali proprio alle emittenti locali? E’ la domanda che circola a livello regionale dopo la nomina dei due consiglieri da parte della politica, leggasi spoilsystem, seguita alla conferma del presidente Filippo Lucci.

Dei due consiglieri uno è il marsicano Ottaviano Gentile – l’altro è la giornalista di Roseto Michela Ridolfi –, (ex) patron di Telesirio, il cui nome è stato portato avanti direttamente dal presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio (Pd), marsicano come lui e in questi giorni in viaggio di rappresentanza in Canada.

Gentile, è bene precisare, non risulta più proprietario della dinamica Telesirio (sostiene di averla ceduta al figlio Giuliano), ma in una parte del centrosinistra abruzzese si fa notare che aver nominato lui è come aver scelto Silvio Berlusconi al ministero delle Comunicazioni. Non c’è nulla di incompatibile, ma un dubbio quantomeno di opportunità sarebbe dovuto venire a chi lo ha scelto fra gli altri 50 candidati a un posto da 500 euro al mese (al presidente ne vanno invece circa 1.800). Anche per far evitare allo stesso Gentile di trovarsi nell’eventuale, “scomodo” ruolo di controllore e controllato quando si tornerà a parlare di contributi alle tv.

Intanto ad Avezzano viene valutata un’altra opzione targata Corecom: la possibilità che apra lì una sede (attualmente è all’Aquila presso la Regione). Si è parlato già dell’ex Arssa, ma ora si sta valutando un ufficio nel Comune del sindaco Gianni Di Pangrazio.

Ultima modifica il Lunedì, 23 Novembre 2015 14:16